venerdì 30 marzo 2018

CACCIA ALLE UOVA IN 4 PUNTI!

Il tempo uggioso non invoglia a grandi programmi per questa Pasqua, ma domenica e soprattutto lunedì splenderà il sole, mi dice 3B Meteo, quindi rimbocchiamoci le maniche e vediamo un po' cos'è questa caccia alle uova e come organizzarla per un divertimento assicurato!


Per chi ha visto "Le 5 Leggende" sa bene che la mattina di Pasqua, il Coniglio Pasquale nasconde tante uova nei prati e nei giardini della città e i bambini scorrazzano allegri e felici alla loro ricerca, perché quella mattina le uova rappresentano il loro trofeo!

Personalmente non ho mai "usato" la leggenda del coniglio pasquale anche perché l'ho conosciuta solo dopo anni, quando ormai organizzavo ai bambini la caccia alle uova come una vera caccia al tesoro, o anche ricerca libera! Inoltre la nostra usanza è organizzarla il giorno di pasquetta, non di pasqua! Far credere loro del coniglio pasquale sarebbe stato pressoché impossibile, perché  non avrebbero mai dimenticato gli anni precedenti. Avrei potuto provare con una botta in testa in stile cartoni animati ma forse in quel caso sarebbero arrivati prima i servizi sociali del coniglietto!!

 Quindi va bene uguale! Facciamo di necessità virtù e impariamo ad organizzare una caccia alle uova come il miglior coniglietto pasquale! Dobbiamo seguire solo 4 mosse:

CACCIA AL "TESORO PASQUALE"


  1.  Decidere innanzitutto quali uova utilizzare: se quelle grandi (per intenderci, quelle che si aprono la mattina di pasqua) o gli ovetti piccoli
  2. In base alla scelta del punto 1 trovare almeno 8 luoghi in cui nascondere le uova, in modo da tenere impegnati i bambini almeno una mezz'oretta. Questi luoghi possono essere all'aperto purché in area circoscritta, oppure interni alla casa! Come il frigorifero, il cassetto delle salviette del bagno, il cassetto dei calzini di papà, il forno (spento!!!) etc etc etc
  3. Realizzare dei bigliettini a tema (qui trovate dei template da stampare e ritagliare) sui quali scrivere gli indizi da consegnare man mano ai bambini
  4. Mettere da parte un uovo finale per ciascun bambino e ovviamente al vincitore spetterà l'uovo più grande!

Che il gioco abbia inizio!!!


LIBERA CACCIA AL "TESORO PASQUALE"

Ho utilizzato più volte questa formula perché si avvicina di più all'idea di caccia alle uova vera e propria! Purtroppo è più impegnativa dell'altra per alcuni motivi:

  1. Si devono utilizzare molte uova: i bambini corrono a destra e sinistra un po' per i fatti propri e quindi è giusto che ciascuno possa trovarle! Io ho sempre usato gli ovetti di cioccolato piccoli, incartati con colori brillanti affinché fossero più visibili! 
  2. Questa quantità industriale di ovetti qualcuno dovrà pur nasconderla... e il lavoro ad un certo punto diventa arduo perché i "rifugi" pian piano si esauriscono!!
  3. Senza indizi, il rischio ovviamente è di dimenticare i nascondigli! Io ficco le uova dappertutto, persino nelle crepe delle muraglie ed è capitato che le trovassimo anche a distanza di mesi! Ovviamente da buttare!
  4. Non trattandosi di poche uova, i bambini hanno bisogno del famoso cestino pasquale! Il primo anno lo abbiamo realizzano noi riciclando delle borse di carta che poi abbiamo decorato. Ma non sono molto resistenti. Nella corsa e con il peso delle uova si rischia di romperle e di combinare un bel disastro. Così l'anno successivo le abbiamo prese belle solide! E via, tutti alla caccia di uova!



L'anno scorso abbiamo scelta come meta un parco ed è stato davvero carino sia per il luogo, sia perché poi anche altri bambini hanno partecipato, anche segretamente! (Quindi forse carino per me e meno per i miei bambini che si vedevano sottrarre gli ovetti da perfetti sconosciuti! 😁)
Alla fine le uova erano talmente tante che sono bastate per tutti!!


Per rendere tutto più avventuroso le ho nascoste anche sugli alberi e i bambini si sono divertiti un mondo!!


Credo che anche quest'anno ci tufferemo in un parco, tempo permettendo e, come ormai da tradizione, non mancherà la caccia libera alle uova!

Buona Pasqua e... correte anche voi con i bambini così non vi sentirete in colpa per un po' di cioccolato di troppo 😉

Nessun commento: